Denti da latte che non cadono

Nei bambini, il momento della caduta dei denti da latte è una fase naturale, importante per il corretto sviluppo della dentatura permanente e un po’…magica. ✨

Tuttavia, in alcuni casi, i denti da latte possono non cadere quando ci aspettiamo, creando preoccupazione per i genitori e qualche aspettativa per i bambini. 

In questo articolo, esploreremo i motivi di questa situazione e forniremo consigli su cosa fare se ci si trova di fronte a denti da latte che non cadono.

Quanti sono i denti da latte?

Iniziamo dal principio: ogni bambino ha complessivamente 40 denti decidui, chiamati amichevolmente “denti da latte”.

Ci sono infatti 20 denti da latte per ogni arcata: 4 incisivi, 4 molari e 2 canini superiori e altrettanto per gli inferiori.

Questa dentatura temporanea è presente durante l’infanzia e viene gradualmente sostituita dai denti permanenti, come parte naturale del processo di sviluppo dentale umano. 

I denti da latte sono fondamentali per masticare, parlare e mantenere lo spazio per i denti permanenti.

Sebbene siano temporanei, è importante prendersi cura di essi per garantire una buona salute dentale durante l’infanzia e per facilitare la corretta transizione verso i denti permanenti.

Quando cadono naturalmente i denti da latte?

La caduta dei denti da latte, nota anche come “esfoliazione“, è una parte fondamentale del normale sviluppo dentale dei bambini.

Questo processo inizia generalmente intorno all’età di 6 o 7 anni e può continuare fino all’età di 12 anni, anche se i tempi esatti possono variare da persona a persona.

Il processo solitamente inizia con la perdita degli incisivi inferiori anteriori, seguiti dai denti incisivi superiori.

Questi sono solitamente i primi denti da latte a cadere, e il loro distacco è spesso accompagnato da un nuovo dente permanente che emerge dalla gengiva.

Solitamente seguono poi nella caduta i denti molari e infine i canini.

Denti da latte che non cadono: ma perché?

I tempi dell’esfoliazione dei denti da latte sono individuali e possono essere influenzati da fattori come la genetica e lo sviluppo dentale.

Spesso i denti da latte che non cadono dipendono da:

  • Agenesia dentale
    La mancanza di uno o più denti permanenti impedisce la naturale caduta dei denti da latte.

  • Ritardo nello sviluppo dei denti permanenti
    Se i denti permanenti non sono pronti perché non si sviluppano adeguatamente, i denti da latte potrebbero non cadere nei tempi previsti.

  • Disallineamento dei denti permanenti
    Se, nello spuntare, i denti definitivi seguono una traiettoria scorretta, non sono in condizioni di poter spingere la radice dei corrispondenti denti decidui e quindi i denti da latte non cadranno.
    Ci troveremo quindi con alcuni denti in “doppia fila”.

    Il pedodontista valuterà quindi se questa situazione possa risolversi autonomamente o se ci sarà bisogno di un intervento di estrazione.

  • Problemi dentali o di salute
    Alcune condizioni mediche o dentali -come per esempio delle carie profonde nel dente da latte- possono influenzare il processo di crescita dei denti definitivi.

Denti da latte che non cadono: cosa fare?

Come dicevamo, i denti da latte cadono perché i denti permanenti sotto di loro li spingono per farsi posto, inducendoli prima a “dondolare” e poi a cadere.

Se il dente da latte non cade, ma dondola, c’è solo bisogno di un piccolo aiuto.
In questo caso il genitore può intervenire con una garza sterile e tirandolo delicatamente finché non si stacca.

Se invece i denti da latte sono ben saldi nella loro posizione anche oltre i 6-7 anni, la cosa migliore da fare è consultare un dentista pediatrico o pedodontista.

Solo un professionista può infatti valutare la situazione dal punto di vista dello sviluppo e determinare se è necessario intervenire o meno.

Conclusioni

La mancata caduta dei denti da latte può essere fonte di preoccupazioni, ma è bene ricordare che ogni bambino ha i suoi tempi e che non sempre questo implica una problematica.

In Studio De Chiesa consigliamo ai genitori di effettuare una prima visita odontoiatrica ai bambini verso i 2 anni di età.
In questo modo sarà possibile controllare la situazione dell’igiene orale e anche dello sviluppo dentale, individuando preventivamente possibili anomalie. 

Per maggiori informazioni o per prenotare una visita pedodontica per i tuoi bambini, contatta la segreteria di Studio De Chiesa.

Ti è piaciuto questo contenuto? Scopri tutti i nostri consigli per i pazienti.

Conosci il tuo livello di rischio odontoiatrico?

Si avvisano i pazienti che lo studio sarà aperto i seguenti sabati: